Yoga per il cancro al seno

Yoga per il cancro al seno

Circa 1 su 8 donne svilupperà il cancro al seno invasivo nel corso della loro vita, rendendolo il tumore più comune nelle donne negli Stati Uniti.

Oltre al fatto che l'esercizio in generale può ridurre il rischio di alcuni tumori, incluso il cancro al seno, secondo il National Cancer Institute, l'esercizio riduce anche il livello di determinati ormoni (inclusi insulina ed estrogeni) associati allo sviluppo e alla progressione del cancro al seno . Gli studi dicono che l'attività fisica dopo una diagnosi di cancro al seno ha potenzialmente un'influenza favorevole sull'incidenza e sull'esito del cancro al seno.

Lo yoga è un tale modo di esercitare. Prova la seguente procedura di yoga dolce e guarda come ti senti.

È sicuro praticare yoga se hai un cancro al seno?

Lo yoga non può essere solo un esercizio efficace a basso impatto, ma è stato anche dimostrato in numerosi studi per ridurre l'affaticamento, migliorare la funzione fisica e la qualità del sonno e contribuire a una migliore qualità della vita complessiva.

È probabile che tu possa, e debba, esercitare in tutte le fasi della diagnosi del cancro - prima, durante e dopo la radioterapia, terapie ormonali e mirate, così come durante e dopo la chemioterapia e la chirurgia. Tuttavia, prima di intraprendere una nuova routine, è necessario discutere l'attività fisica pianificata con il proprio medico, soprattutto se si è intervenuti di recente.

Se sei a rischio di linfedema, vuoi essere sicuro che le pose che stai facendo siano utili per quello (quelle sotto sono). Chiedete al vostro medico se raccomanderebbero capi di compressione e se è sicuro iniziare a praticare yoga.

Lo yoga può essere ristoratore e gentile - e le pose che seguono sono assolutamente in linea con questo disegno di legge - ma ci sono sempre complicazioni con qualunque nuovo esercizio Questo rischio aumenta se hai a che fare con problemi che potresti non aspettarti o conoscere. Per questo motivo, dovresti parlare con il tuo medico della tua pratica yoga in particolare.

Posa di gatto-mucca

Questo movimento rafforza la parte bassa della schiena, diminuisce il dolore all'anca e aumenta la mobilità della colonna vertebrale e la circolazione del liquido spinale. In generale, questo può essere un ottimo modo per ridare un po 'di flessibilità al tuo busto. È probabile che tu abbia tenuto un po 'di tensione in quest'area.

Attrezzature necessarie: Di nuovo, per tutte queste pose, una stuoia di yoga è una buona cosa avere, preferibilmente su un pavimento scoperto. Evitare tappeti o tappeti, se possibile.

I muscoli hanno funzionato: muscoli estensori spinali, addominali, anca, collo e schiena

  1. Inizia a quattro zampe, in un? Tavolo? posizione, i piedi piatti (le dita dei piedi non piegate), le spalle direttamente sopra i polsi, i fianchi sopra le ginocchia.
  2. Mentre inspiri, lascia cadere la pancia, lasciando che la schiena si inarca. Mentre lo fai, porta consapevolezza alle tue spalle e assicurati che le scapole siano saldamente sulla schiena e non si avvicinino alle tue orecchie. Questa è la posa della mucca.
  3. Mentre espiri, premi tra le mani e intorno alla parte superiore della schiena, tirando l'ombelico nella colonna vertebrale. Questa è la posa del gatto.
  4. Continua a muoverti inspirando ed espirando, ripetendo 10 volte.

Seated Side Bend

Una semplice curvatura laterale farà miracoli per il tuo busto. Non solo funziona e allunga i muscoli addominali e migliora la flessibilità della colonna vertebrale, ma allunga anche i muscoli intercostali (i muscoli tra le costole). Allungare i muscoli aiuta a mantenere la postura, il collo e le spalle e aumenta la gamma di movimento delle costole.

I muscoli hanno funzionato: addominali, muscoli intercostali, latissimus dorsi (lats), obliqui esterni

  1. Sedersi a gambe incrociate al centro del tappeto.
  2. Posiziona il palmo sinistro a terra a circa 6 pollici dal tuo corpo, in linea con l'anca sinistra. La tua mano destra dovrebbe essere sollevata verso il cielo, accanto alla tua testa.
  3. Mentre inspiri profondamente, senti i polmoni riempirsi di aria e allungare la colonna vertebrale.
  4. Mentre espiri, allunga delicatamente la colonna vertebrale verso sinistra, usando la mano sinistra come supporto e arcuando con la mano e il braccio destro. Se la tua colonna vertebrale è flessibile in questa curva laterale, puoi spingere la mano sinistra più lontano, forse fino a quando l'intero avambraccio non è a terra, sostenendo il tuo allungamento.
  5. Tieni il petto aperto mentre prendi almeno 3 respiri profondi e profondi, spingendo la spalla destra avanti e indietro se inizia a scricchiolare un po 'in avanti.
  6. Rientra dolcemente in posizione seduta e cambia lato. Fai questo allungare almeno 3 volte su ciascun lato.

Posa di pesce

Questa posa è un apri del cuore, il che significa che apre il petto, le costole, i polmoni e la parte superiore della schiena. Stimola anche il drenaggio linfatico nei seni e nei pettorali e può ridurre il tessuto cicatriziale.

Attrezzature necessarie: Se hai un cuscino piccolo e stretto (come un cuscino lombare per divano o un cuscino), puoi usarlo qui. Inoltre, due coperte sottili sono perfette per questa posa, una piegata per te da sedersi e l'altra piegata per sostenere la parte superiore della schiena.

I muscoli hanno funzionato: sternocleidomastoideo, retto addominale, estensori spinali

  1. Prepara i tuoi oggetti di scena piegandoti e sedendoti sulla coperta, così i tuoi fianchi sono supportati. Il lungo cuscino (o coperta arrotolata) dovrebbe essere perpendicolare alla coperta su cui ti siedi, in modo che supporti la colonna vertebrale. L'ultima coperta ripiegata (o un piccolo cuscino) dovrebbe essere in cima a quella, quindi supporterà la parte superiore della schiena. Avrai voglia di appendere la testa leggermente al di sotto del supporto superiore della schiena, per aprire davvero il collo e il petto, in modo che la coperta superiore o il cuscino si fermino in cima alle spalle.

Nota: Puoi costruire questi oggetti di scena (o usare cuscini e coperte più grandi e più spessi o, naturalmente, cuscini e blocchi per lo yoga), se preferisci essere un po 'più in alto.Per iniziare, potresti iniziare a scendere più in basso, come descritto sopra, per ottenere la possibilità di entrare in questa posa con così tanti oggetti di scena, oltre a ottenere un delicato apri del cuore e vedere se vuoi qualcosa di più profondo o meno.

  1. Siediti dritto, con le ossa di anca / sedere sulla coperta e le gambe davanti a te, tenendole insieme, le articolazioni dei piedi delle grandi dita che si toccano, i talloni leggermente divaricati, se questo è comodo. Se non lo è, puoi allargare questa? Posizione ,? assicurati solo di non lasciare che i piedi scivolino verso i lati. Le tue gambe dovrebbero essere attive in questa posizione, non allentate e rotolare verso l'esterno.
  2. Dolcemente e lentamente, inizia a sdraiarti in modo che la coperta o il lungo cuscino sostenga la spina dorsale (puoi usare le mani per sostenerti mentre ti abbassi).
  3. Mentre ti sdrai su tutti gli oggetti di scena, appoggia la testa completamente sul tappetino e lascia riposare le mani sul terreno vicino a te, con i palmi rivolti verso l'alto. (Le tue mani possono essere alte o basse quanto vuoi in relazione alle tue spalle, ma tu vuoi iniziare con quelle basse e tirarle lentamente più in alto per vedere cosa ti fa sentire meglio.)
  4. Stai attento alla posa mentre giace qui. Non è il momento di fare un sonnellino, quindi di nuovo, tieni le gambe impegnate - mantenendo i piedi uniti, se possibile - e respirando profondamente. Sentiti libero di muovere i puntelli finché non ti sembra meglio per te.
  5. Puoi tenere questa posa per un massimo di 10 minuti, se lo desideri. Quando esci da esso, espira profondamente, punta le dita dei piedi e, se possibile, solleva il petto. Se sei nuovo nella posa e hai bisogno di aumentare la forza, metti le mani su entrambi i lati per sostenere l'uscita dalla posa.

Respiro della pancia (pranayama diaframmatico)

Anche se può sembrare semplice - è solo la respirazione dopo tutto - la respirazione profonda della pancia aiuta a usare il diaframma in modo più efficace. Rafforzando il diaframma stesso, diminuirai la richiesta di ossigeno e faciliterai il funzionamento dei tuoi polmoni. Questo può essere utile per praticare durante e dopo i trattamenti per il cancro al seno. Anche la respirazione profonda ci aiuta a calmarci, poiché l'aumento di ossigeno nel nostro cervello stimola il sistema nervoso parasimpatico, che segnala ai nostri corpi di rilassarsi.

Nota: Se si è attualmente in trattamento con radiazioni, si consiglia di esaminare studi che mostrano una diminuzione dell'esposizione alle radiazioni al cuore e ai polmoni se si pratica la respirazione profonda durante il trattamento.

I muscoli hanno funzionato: diaframma

  1. Sdraiati sulla schiena. Puoi appoggiare la testa con un piccolo cuscino e le tue ginocchia con un piccolo cuscino, se vuoi.
  2. Metti le mani sulla pancia e fai un respiro lento e profondo mentre senti la pancia espandersi. Questa parte è importante, in quanto possiamo respirare superficialmente quando si tratta di dolore o problemi nel nostro tronco in generale. L'idea qui è di esercitare il diaframma e gonfiare completamente i nostri polmoni.
  3. Mentre inspiri, conta quanto a lungo puoi respirare profondamente. (All'inizio, questo dovrebbe essere qualcosa che decidi, non qualcosa che ti sforzi di compiere).
  4. Tieni premuto finché ti senti a tuo agio e ti consente comunque di espirare delicatamente e in modo uniforme (senza esalazioni brusche), impiegando il tempo necessario per espirare come hai fatto per inspirare, forse anche qualche battito più lungo.
  5. Ripeti questo 4 o 5 volte, 5 o 6 volte al giorno, se possibile.

Nota: Mentre le pose che portano fino a questo aiuterà, come scaldare i muscoli che verrà utilizzato, non c'è bisogno di fare loro prima di praticare la respirazione di pancia ogni volta.

Porta via

Lo yoga ha dimostrato di avere effetti positivi sugli esiti del cancro al seno. Potrebbe avere effetti positivi per te, indipendentemente dal tuo viaggio specifico. È anche una pratica che può e deve essere personalizzata. Mentre la sequenza di cui sopra è composto di pose riparatoria che sono un ottimo punto di partenza, verificare sempre con il medico e anche un fisioterapista o istruttore di yoga sulle esigenze specifiche del vostro corpo.