Working Mom Guilt Perché mi ha quasi fatto e come l'ho superato

Working Mom Guilt Perché mi ha quasi fatto e come l'ho superato

Le guerre della mamma

Pensavo di aver superato la cattività che spesso affligge giovani adolescenti ormonali alle superiori. Cioè, fino a quando sono diventato mamma.

Non c'è niente di più allarmante per me delle donne cresciute che si sentono cattive tra loro sulle decisioni di vita personale. Allo stesso tempo, devo ammettere che anch'io ho partecipato alle guerre della mamma. Nei primi tempi, mi sentivo giudicato una mamma lavoratrice da persone in ambienti più tradizionali che credevano che essere una mamma casalinga fosse l'unico modo per essere un buon genitore. Mi ha fatto difendere, e non ero sempre gentile o gentile con le mie risposte.

Tuttavia, negli ultimi quattro anni, il mio atteggiamento è cambiato radicalmente. Non sento più il bisogno di difendere le scelte che faccio come una mamma. Sono diventato più a mio agio nel definire che cosa significhi la maternità per me, e sono venuto per imparare che avrei fatto una mamma davvero casalinga.

E io sto bene con questo. Ecco un po 'del mio personale viaggio dal colpevole al grande.

Perché non sto a casa con i miei figli

All'inizio di questa estate, ho condiviso la mia storia sulla sofferenza da post-partum PTSD. Non sono stato diagnosticato fino a 15 mesi dopo il parto. Negli Stati Uniti, dove non ci sono leggi sul congedo di maternità retribuite a livello nazionale, molte donne tornano al lavoro entro il terzo mese, e anch'io.

Per 12 mesi, ho cercato di superare un immenso senso di colpa per essere una mamma lavoratrice, e non ero solo nella mia colpa. Un recente sondaggio di workingmother.com ha rivelato che il 57% delle madri intervistate si sente colpevole ogni singolo giorno, mentre il 31% si sente colpevole almeno una volta alla settimana. Perché le madri lavoratrici sembrano essere preprogrammate per il senso di colpa?

"Riceviamo il messaggio tutto il tempo che dovremmo essere mamme casalinghe o, se lavoriamo, che dovremmo essere straordinari supermari in cima alle nostre carriere ,? dice Nicole Else-Quest, Ph.D., assistente professore di psicologia alla Villanova University in Pennsylvania.

Per quanto irrealistiche siano queste aspettative, le interiorizziamo da giovani e poi proviamo pressione. Mettiamo in discussione la nostra competenza, dice, aggiungendo:? Le mamme che lavorano si sentono lacerate. Ci sono così tante cose da fare, tanti obblighi. Andiamo in giro chiedendoci, come faccio a fare tutto e fare tutto bene ??

Sono stato sopraffatto cercando di bilanciare il mio lavoro aziendale e la mia famiglia. Mi sentivo isolato, solo e colpevole che tutto mi sembrava così difficile. Dato che ero in uno stato di salute mentale fragile, era facile criticare il lavoro e trasformarlo in sensi di colpa. A sua volta, la mia colpa era aggravata dal fatto che dovevo lavorare. A quel tempo, io e mio marito non potevamo soddisfare tutti i nostri obblighi con uno stipendio.

Intorno al segno dei due anni, e dopo un terapeuta davvero bravo, la foschia postpartum ha iniziato a schiarirsi e ho capito che in realtà volevo lavorare.

Non sono tagliato per essere una mamma casalinga.

Quando sono a casa tutto il giorno senza altri adulti con cui parlare e che si occupano di bambini esigenti, mi sento depresso e arrabbiato. Quando esprimo questo sentimento, a volte le persone si comportano come se non amassi i miei figli. Ho riconosciuto questo su me stesso e non ho potuto avvolgere la mia mente su cosa c'era di così sbagliato nell'andare a lavorare e guadagnare un salario vivibile che forniva importanti necessità - specialmente quando mi piaceva il lavoro e mi trovavo in difficoltà.

Col passare del tempo, mi è diventato chiaro che lavorare era uno sbocco creativo sano per me e che mi rendeva davvero una mamma migliore!

Una volta capito questo, la domanda è diventata chiara: perché lasciare che altre persone mi facciano stare male a lavorare?

Non mi sento più colpevole

Ammiro le donne che trovano gioia nell'essere casalinghe. Onestamente, lo faccio. A volte vorrei tanto aver amato la routine di molte mamme casalinghe. È un atto tremendamente disinteressato rimanere a casa con i tuoi figli e non lavorare. È molto lavoro essere a casa tutto il giorno.

Non appena ho iniziato a riconoscere i sacrifici e le difficoltà che le mamme rimangono a casa, la mia colpa si è dissipata.

C'è qualcosa di sorprendente nel lasciare andare il tuo giudizio riguardo alle decisioni degli altri e alla tua difesa nei confronti della tua. Scegliere di abbracciare il modo in cui sono cablato come persona e non giudicare le altre persone per essere cablato in modo diverso, è stato liberatorio.

Dico spesso a mio marito che non lo sono appena una mamma. Il mio stato di mamma è parte della mia identità. Sono anche una moglie, una figlia, una sorella, un'amica e un collega. Mi piacciono i progetti impegnativi al lavoro e mi piace prendere una? Mamma e me? giorno e andando allo zoo e al parco giochi.Mi piace molto di più la mia vita ora che ho accettato di essere una madre migliore quando rispetto tutti gli aspetti di chi sono come persona.

Mi alzo per me ora

Mi arrabbio molto quando mi viene chiesto chi guarda i miei figli quando lavoro. Mio marito non è mai stato chiesto una volta sola nella sala dei consigli dove sono i suoi figli e ammette che quando viaggia per affari gli uomini tendono a presumere che sua moglie sia una mamma casalinga.

La verità è che viviamo ancora in una società molto dominata dagli uomini. Metà dell'equazione per superare il senso di colpa della mamma è in piedi da sola.

Ho detto ai dirigenti di sesso maschile che chiedermi dove sono i miei figli durante una presentazione in sala riunioni non è professionale. Ho detto a una dirigente che mi ha consigliato di non menzionare ai miei figli che non era professionale.

Non è il posto in cui criticare il mio lavoro basato sul mio stato di mamma, né è corretto dirmi che devo fingere di non avere figli da inserire in una scatola aziendale.

Sono una mamma Ho una carriera. Sono bravo in entrambi! Perché dovrei sentirmi in colpa per questo?

D:

A quali risorse possono rivolgersi le donne se stanno sperimentando post-partum e / o parto PTSD?

UN:

Il disturbo da stress post-traumatico (PTSD) è meglio affrontato con l'aiuto di un professionista autorizzato con esperienza nel trattamento del DPTS, come uno psicologo o uno psichiatra. Il tuo ostetrico (OB) o medico di base può aiutare con un rinvio. A volte, in particolare nei primi due mesi dopo il parto, puoi vedere il pediatra del tuo bambino o un consulente per l'allattamento più spesso del tuo OB. Potrebbero anche essere in grado di aiutarti a indirizzarti verso le risorse appropriate

Karen Gill, i MDAnswers rappresentano le opinioni dei nostri esperti medici. Tutto il contenuto è strettamente informativo e non dovrebbe essere considerato un consiglio medico.

Monica Froese è una mamma lavoratrice che vive a Buffalo, New York con il marito e la figlia di 3 anni. Ha conseguito il suo MBA nel 2010 ed è attualmente direttore marketing. Lei blog at Ridefinire la mamma, dove si concentra sul potenziamento di altre donne che tornano al lavoro dopo aver avuto figli. Puoi trovarla on cinguettioeInstagram, Shedove condivide fatti interessanti sull'essere una mamma lavoratrice e on FacebookePinterest dove condivide tutte le sue migliori risorse per la gestione della vita di mamma lavoratrice.