Perché è necessario riconsiderare la protezione solare che stai utilizzando

Perché è necessario riconsiderare la protezione solare che stai utilizzando

Se George Orwell avesse scritto una copia per gli annunci di cura della pelle, avrebbe detto questo sulla protezione solare: tutti i filtri solari sono stati creati uguali, ma alcuni sono più uguali di altri.

Anche se acquisti un marchio europeo da una farmacia americana, potrebbe non essere buono come il suo omologo internazionale. Le normative nazionali per gli ingredienti e l'efficacia variano in tutto il mondo, facendo sì che i prodotti fabbricati in altri paesi siano diversi, anche se provengono dalla stessa marca.

Mentre il Congresso ha promulgato la Sunscreen Innovation Act nel 2014 per modernizzare e semplificare l'approvazione degli ingredienti per la protezione solare negli Stati Uniti, i prodotti americani sembrano ancora in ritardo.

Purtroppo, questo spesso significa che i nostri filtri solari tendono ad essere più grassi, meno piacevoli da indossare e indossare, e potenzialmente meno efficaci nel proteggere la nostra pelle e prevenire i segni dell'invecchiamento. Quindi qual è la differenza tra la crema solare che acquisti a Tallahassee e quella che hai ordinato da Tokyo? Diamo un'occhiata più da vicino.

Altri paesi sono in anticipo sulla qualità

Non c'è una semplice ragione per cui posti come l'Inghilterra, la Francia, il Giappone, la Corea del Sud e altri paesi abbiano prodotti migliori per il sunblock. Si tratta di una combinazione di tre grandi fattori.

1. I filtri solari americani funzionano con meno ingredienti (e? Più vecchi?)

Al momento, l'U. S. Food and Drug Administration (FDA) ha approvato solo 16 principi attivi per i filtri solari. L'Europa ha 27 sostanze approvate. Questa differenza non solo limita la gamma di prodotti negli Stati Uniti, ma può anche influire sull'efficacia.

Ci sono sette prodotti chimici approvati in Europa che proteggono dai raggi di luce UVA cancerogeni. Nel frattempo, negli Stati Uniti, abbiamo solo tre prodotti chimici approvati per lo stesso scopo.

I produttori di filtri solari negli Stati Uniti hanno ingredienti limitati perché trattiamo i sunblock come prodotti medici da banco. Ogni ingrediente attivo utilizzato negli Stati Uniti deve passare un processo rigoroso attraverso la FDA prima che possiamo usarli, il che è ottimo per la nostra salute, ma anche una ragione per cui le cose si stanno muovendo così lentamente.

Basta guardare: il Sunscreen Innovation Act è stato messo in atto tre anni fa, ma nessun nuovo ingrediente ha superato le prove mediche da allora, secondo la FDA. Anche quando la ricerca va a buon fine, le prove possono anche essere costose. Quindi, se non ci sono richieste o vantaggi finanziari per lo sviluppo di nuovi prodotti, non vi è alcun incentivo a creare prodotti nuovi e migliori.

D'altra parte, altri paesi trattano i prodotti per la protezione solare come cosmetici. Sebbene gli ingredienti passino attraverso diversi processi di test, le normative di altri paesi consentono approvazioni più rapide e la possibilità per le aziende di combinare ingredienti senza restrizioni. Di conseguenza, questi marchi offrono più opzioni che non proteggono solo la tua pelle, ma sono anche molto più belle da applicare.

2. La FDA ha regole lassiste per la protezione UVA

Proprio quando pensavate che la FDA fosse lenta nell'introdurre nuovi ingredienti, non erano altrettanto rigidi sulla quantità di protezione UVA richiesta. Uno studio recente ha rilevato che molti dei prodotti per la protezione solare americani sono etichettati come "ampio spettro"? blocca i raggi UVB ma non blocca i raggi UVA con la stessa efficacia dei marchi europei. L'UVA penetra la pelle più profondamente rispetto agli UVB.

Infatti, lo studio, che proviene dal Memorial Sloan Kettering Cancer Center di New York, ha rilevato che solo 11 su 20 prodotti solari americani rispettano gli standard europei di protezione.

Possiamo fare una migliore protezione solare? "

3. La cultura della concia negli Stati Uniti

Un terzo motivo per cui il nostro blocco solare potrebbe rimanere indietro rispetto al resto del mondo è semplicemente perché gli americani non sono ancora così seri riguardo alla protezione solare come le altre culture. Nonostante i numerosi risultati che l'esposizione ai raggi UV contribuisce al cancro della pelle, circa 10 milioni di uomini e donne americani usano regolarmente lettini abbronzanti. L'abbronzatura, in molti modi, è in parte passatempo, in parte segno di lusso e in parte identità.

Cancro della pelle: prendi i fatti "

Anche con la prova che l'esposizione al sole sopprime il sistema immunitario, accelera l'invecchiamento e aumenta il rischio di cancro, cambiare una cultura può essere difficile. Quando i consumatori non richiedono qualcosa, influenzano il mercato e il suo interesse per l'innovazione. Qui è dove le culture asiatiche, come in Giappone, Cina, Corea e Filippine, differiscono. Queste culture sono similmente innamorate della pelle chiara, che contribuisce alla loro vasta gamma di prodotti per la protezione solare di alta qualità. Poiché il mercato è così competitivo, i prodotti non sono solo migliori, ma anche più economici.

Pronto a provare una crema solare da oltre il confine?

All'inizio potresti essere sopraffatto dalle scelte e dalla barriera linguistica quando cerchi filtri solari da altri paesi. Fortunatamente, i negozi online come Amazon offrono molte opzioni. Con la crescita della popolarità negli Stati Uniti, è più facile trovare recensioni chiare e utili dei migliori prodotti.

Ecco tre popolari filtri solari giapponesi, testati e proposti dagli utenti di Reddit del forum r / AsianBeauty:

Bior? Sarasara Aqua Rich Watery Essence

Protezione UVA: SPF 50, PA ++++ *

Consenso di revisione: Sembra una crema leggera, anche se si asciuga rapidamente e offre una protezione per tutto il giorno senza residui.

Costo: $ 9,11 per 50 g su Amazon

Gel cremoso UV Hada Labo

Protezione UVA: SPF 50, PA +++

Consenso di revisione: Si assorbe rapidamente e non conferisce una tonalità bianca alla pelle, rendendolo ideale per le persone con le tonalità della pelle più scure o per coloro che vogliono applicare il trucco sulla loro crema solare.

Costo: $ 8,42 per 50 g su Amazon

Missha All-Around Safe Block Finish morbido latte solare

Protezione UVA: SPF 50+, PA +++

Consenso di revisione: È leggero e facile da stratificare come parte di una più ampia routine di cura della pelle, e revisori del genere non sono grassi o puzzolenti come gli altri prodotti.

Costo: $ 18 per 70 ml su Amazon

* I segni + dopo PA sono un indicatore giapponese che misura il grado di protezione UVA di ogni crema solare. La versione europea di questo è PPD, che può anche essere convertita in PA. Non esiste uno standard per questo sistema di misurazione, ma generalmente più +, la migliore protezione offerta dalla protezione solare.

Alla ricerca di ulteriori raccomandazioni? Dai un'occhiata a questo test di prova della patch per la protezione solare del beauty blogger Peeping Pomeranian. Ha testato otto filtri solari per vedere quanto fossero efficaci per la protezione dai raggi UV e per la prevenzione delle scottature e dell'abbronzatura.

Attenzione: alcuni avvertimenti sull'acquisto di creme solari estere online

Mentre molte persone amano i filtri solari dall'Asia o dall'Europa, devi sempre fare attenzione prima di acquistare. Quando acquisti la protezione solare, ricorda:

Dovresti leggere attentamente le tue etichette

I prodotti stranieri non sono approvati o testati dalla FDA. Mentre la stragrande maggioranza degli ingredienti dei sunblock d'oltremare è stata trovata sicura ed efficace, ce ne sono alcuni che hanno sollevato dubbi. Ad esempio, studi sui ratti hanno scoperto che un filtro UVB chiamato 4-MBC può causare effetti ipofisari paragonabili all'ipotiroidismo. Mentre non otterrai gli stessi livelli tossici a cui sono stati esposti i ratti, è comunque bene tenere d'occhio.

I prodotti contraffatti sono comuni

Questo è vero anche quando acquisti da un venditore affidabile su Amazon. Il modo migliore per evitare di ottenere un prodotto knock-off è guardare la valutazione e le recensioni del prodotto. Gli acquirenti passati possono confermare l'autenticità o avvisarti di falsi. È sempre meglio acquistare direttamente dalla società di protezione solare, anche se potrebbe richiedere più tempo per la consegna.

La protezione solare non è l'unico modo per proteggersi dai pericolosi raggi UV

Non importa dove vivi nel mondo, stare all'ombra, indossare uno strato leggero di vestiti e indossare un cappello sono tutti modi efficaci per bloccare i raggi UV.

Non è mai troppo tardi per iniziare a utilizzare la protezione solare e prevenire l'invecchiamento. Ma se hai già una bruciatura (probabilmente a causa di una protezione solare non eccezionale), potresti voler controllare questi rimedi casalinghi.


Sarah Aswell è una scrittrice freelance che vive a Missoula, nel Montana con suo marito e due figlie. La sua scrittura è apparsa in pubblicazioni che includono The New Yorker, McSweeney, National Lampoon e Reductress.