Le parole sono potenti Smettila di chiamarmi un paziente.

Le parole sono potenti Smettila di chiamarmi un paziente.

Guerriero. Sopravvissuto. Conquistatore. Conquistatore.

Paziente. Malato. Sofferenza. Disabilitato.

Fermarsi a pensare alle parole che usiamo ogni giorno può avere un enorme impatto sul tuo mondo. Per lo meno, per te stesso e la tua vita.

Mio padre mi ha insegnato a riconoscere la negatività che circonda la parola "odio". Sono passati circa 11 anni da quando ha portato questo alla mia attenzione. Ora ho 33 anni e ho fatto del mio meglio per eliminare questa parola dal mio vocabolario - così come da quello di mia figlia. Anche solo a pensarlo, ho un cattivo gusto in bocca.

Una delle mie guru spirituali, Danielle LaPorte, ha fatto un piccolo esperimento con suo figlio sulle mele e il potere delle parole. Letteralmente. Tutto quello di cui avevano bisogno erano mele, parole e la sua cucina.

Le mele che hanno ricevuto parole di negatività marcivano molto più velocemente. Le sue scoperte sono affascinanti, ma allo stesso tempo non sorprende affatto: le parole contano. La scienza alla base di questo è stata analizzata in modo simile anche nelle piante viventi, con uno studio che suggerisce alle piante di imparare dall'esperienza.

Ora immaginami come la mela o la pianta

Quando qualcuno si riferisce a me come un? Paziente? Ho immediatamente dimenticato tutti i miei trionfi. Mi sento come se diventassi tutti gli stereotipi negativi che circondano quella parola.

So che è diverso per tutti. Ma per me, quando sento la parola paziente, vedo cosa stavi probabilmente pensando. Qualcuno che è malato, sdraiato in un letto d'ospedale, facendo affidamento sugli altri di giorno in giorno.

La cosa ironica è che ho passato più della mia vita fuori dall'ospedale che in ospedale. In effetti, il mio ultimo ricovero era di 7 anni e mezzo fa, quando diedi alla luce mia figlia.

Sono molto più di un paziente.

È vero che vivo con una rara malattia cronica che colpisce meno di 500 persone negli Stati Uniti e 2.000 persone in tutto il mondo. È una condizione genetica che causa la sovrapproduzione di un amminoacido chiave e quindi ha un impatto su ogni cellula del mio corpo. Eppure, questo è solo un aspetto dell'ologramma di tutto il mio essere.

Sono anche qualcuno che ha superato enormi probabilità. Quando ho ricevuto la diagnosi a 16 mesi, i medici hanno detto ai miei genitori che non avrei vissuto per vedere il mio decimo compleanno. Sono vivo adesso perché mia madre mi ha donato il suo rene 22 anni fa.

Dove sono oggi: una donna con un Bachelor of Science in sviluppo umano e studi familiari.

Un essere umano che ha usato il mio corpo per creare un altro essere umano che è stato su questa terra da sette anni.

Un topo di biblioteca.

Un essere spirituale che ha un'esperienza umana.

Qualcuno che sente il ritmo della musica in ogni fibra del suo essere.

Un nerd astrologico e credente nel potere dei cristalli.

Sono una persona che balla nella mia cucina con mia figlia e vive per le risatine che le escono dalla bocca.

Sono anche molte altre cose: amico, cugino, pensatore, scrittore, persona molto sensibile, goofball, amante della natura.

Sono molti diversi tipi di umano prima di essere un paziente.

Passando lungo la torcia della gentilezza

I bambini sono particolarmente sensibili al potere delle parole, soprattutto quando gli adulti che li usano decidono quale sia la loro definizione. Ho visto questo accadere molte volte nella comunità delle malattie rare.

Se dici a un bambino che sono pazienti - una persona malata, fragile o debole - iniziano ad assumere quell'identità. Iniziano a credere che non importa come si sentono veramente, forse lo sono davvero? Solo un paziente? al centro del loro essere.

Sono sempre stato attento a questo, specialmente intorno a mia figlia. È minuta per la sua età e spesso riceve commenti da altri bambini per quanto è breve.

Ho fatto del mio meglio per insegnarle che può riconoscere il fatto che non è alta come la maggior parte dei suoi coetanei, che le persone arrivano in tutte le dimensioni. La loro altezza non ha nulla a che fare con il loro potenziale nella vita o quanta gentilezza sono in grado di estendere.

È tempo di essere più consapevoli del potere dietro le parole che scegliamo. Per i nostri bambini, per il nostro futuro.

Non tutte le parole hanno lo stesso peso emotivo per tutti, e non sto dicendo che dovremmo camminare tutti sui gusci delle uova quando ci parliamo. Ma se c'è anche una domanda, scegli la scelta più efficace. Sia online che nella vita reale (ma soprattutto online), parlare con gentilezza finisce per beneficiare tutti i soggetti coinvolti.

Le parole possono essere tremendamente potenti. Scegliamo quelli che sollevano e guardiamo noi stessi come risultato.


Tahnie Woodward è una scrittrice, madre e sognatrice. È stata nominata tra i 10 migliori blogger ispiratori di SheKnows. Le piace meditare, la natura, i romanzi di Alice Hoffman e ballare in cucina con sua figlia. È una grande sostenitrice della donazione di organi, un nerd di Harry Potter, e ha amato Hanson dal 1997. Sì, questo Hanson. Puoi connetterti con lei Instagram, sua blog, e cinguettio.