Ecco come gestisco la depressione che si accompagna alla malattia cronica

Ecco come gestisco la depressione che si accompagna alla malattia cronica

Il mio viaggio con la depressione è iniziato molto presto. Avevo 5 anni quando mi ammalai per la prima volta con una serie di malattie croniche. La più grave di queste, l'artrite idiopatica giovanile sistemica (SJIA), non è stata diagnosticata con precisione fino a circa otto mesi più tardi. Nel frattempo, mi era stata diagnosticata erroneamente tutto - allergie alimentari, sensibilità chimica, reazioni ai farmaci e altro ancora.

La più spaventosa diagnosi errata è arrivata quando mi hanno dato sei settimane di vita - pensavano che avessi la leucemia, una diagnosi errata comune per SJIA.

Quando ero bambino di fronte alla morte, non avevo paura. Ero al sicuro nel fatto che cercavo di essere una brava persona, anche se ero così piccola. Ma un anno dopo, la depressione ha colpito, e ha colpito duramente.

Non ero in cura per il mio SJIA, tranne che per un antidolorifico basico da banco. La mia malattia stava peggiorando e avevo paura di cosa sarebbe successo dopo. E a causa degli abusi che si verificano a casa, non vedrei un dottore da quando avevo 7 anni fino all'età di 21 anni. Sono stato anche educato a casa, da una parte del primo al settimo anno, il che significava che non l'ho fatto avere davvero contatti con persone al di fuori della nostra famiglia allargata, ad eccezione di alcuni bambini del vicinato e dell'asilo.

Combattere la solitudine nell'età adulta

Da adulto, ho continuato a lottare. Gli amici sono morti, causando un'enorme quantità di dolore. Altri filtrarono lentamente, perché non gli piaceva il fatto che dovessi cancellare i piani così spesso.

Quando ho lasciato il mio lavoro in amministrazione pediatrica in un'università, ho perso molti benefici, come una busta paga regolare e un'assicurazione sanitaria. Non è stato facile prendere quella decisione per essere il mio capo, sapendo tutto quello che stavo perdendo. Ma anche se oggi potrebbero non esserci tanti soldi nella nostra famiglia, ora sto facendo meglio, sia fisicamente che emotivamente.

La mia storia non è così unica - la depressione e le malattie croniche giocano insieme spesso. Infatti, se hai già una malattia cronica, puoi anche avere una probabilità quasi tripla di combattere la depressione.

Ecco alcuni dei molti modi in cui la depressione può manifestarsi quando si ha una malattia cronica e cosa si può fare per controllare il danno emotivo che può causare.

1. Isolamento

L'isolamento è comune per molti di noi alle prese con problemi di salute. Ad esempio, quando mi sto infiammando, non posso lasciare la casa per una settimana. Se vado da qualche parte, è per ottenere generi alimentari o prescrizioni. Gli appuntamenti e le commissioni del dottore non sono la stessa cosa che connettersi con gli amici.

Anche quando non siamo isolati fisicamente, potremmo essere emotivamente allontanati da altri che non sono in grado di comprendere come sia per noi essere malati. Molte persone disabili non capiscono perché potremmo aver bisogno di modificare o cancellare i piani a causa delle nostre malattie. È anche incredibilmente difficile comprendere il dolore fisico ed emotivo che sperimentiamo.

Mancia: Trova altri online che sono anche alle prese con malattie croniche - non deve necessariamente essere lo stesso del tuo. Un ottimo modo per trovare gli altri è attraverso Twitter utilizzando hashtag, come #spoonie o #spooniechat. Se vuoi aiutare i tuoi cari a capire meglio la malattia,? The Spoon Theory? da Christine Miserandino può essere uno strumento utile. Anche spiegare loro come un semplice testo può sollevare il tuo spirito può fare la differenza per il tuo rapporto e stato d'animo. Sappiate che non tutti capiranno, però, e che è OK scegliere chi spiegate la vostra situazione e chi no.

2. Abuso

Trattare con l'abuso può essere un grosso problema per quelli di noi che stanno già vivendo con malattie croniche o disabilità. Abbiamo quasi quattro volte più probabilità di affrontare abusi emotivi, mentali, sessuali o fisici. La dipendenza dagli altri ci espone a persone che non hanno sempre a cuore i nostri migliori interessi. Spesso siamo anche più vulnerabili e incapaci di reagire o difenderci.

L'abuso non ha nemmeno bisogno di essere diretto verso di te perché influenzi la tua salute a lungo termine. Problemi di salute come la fibromialgia, l'ansia e lo stress post-traumatico sono stati collegati all'esposizione agli abusi, che tu sia una vittima o un testimone.

Sei preoccupato o non sai che potresti avere a che fare con l'abuso emotivo? Alcuni identificatori chiave sono vergognosi, umilianti, incolpati e lontani o incredibilmente troppo vicini.

Mancia: Se puoi, cerca di stare lontano da persone che sono abusive. Mi ci sono voluti 26 anni per riconoscere pienamente e tagliare i contatti con un tossicodipendente nella mia famiglia. Da quando l'ho fatto, però, la mia salute mentale, emotiva e fisica sono migliorate drasticamente.

3. Mancanza di supporto medico

Ci sono molti modi in cui possiamo sperimentare una mancanza di supporto da parte di medici e altri operatori sanitari - da quelli che non credono che certe condizioni siano reali, a coloro che ci chiamano ipocondriaci, a coloro che non ascoltano affatto. Ho lavorato con i medici e so che il loro lavoro non è facile, ma nemmeno le nostre vite.

Quando le persone che prescrivono trattamenti e cure per noi non ci credono o si preoccupano di ciò che stiamo attraversando, è abbastanza doloroso per portare sia la depressione che l'ansia nelle nostre vite.

Mancia: Ricorda: hai il controllo, almeno in parte. Hai il permesso di licenziare un medico se non sono di aiuto o di fornire un feedback. Puoi farlo spesso in modo semi-anonimo attraverso la clinica o il sistema ospedaliero che visiti.

4. Finanze

Gli aspetti finanziari delle nostre malattie sono sempre difficili da gestire. I nostri trattamenti, le visite cliniche o ospedaliere, i farmaci, i bisogni da banco ei dispositivi di accessibilità non sono economici con nessuna misura. L'assicurazione può aiutare o no. Questo è il doppio per quelli di noi che vivono con disturbi rari o complessi.

Mancia: Considerare sempre i programmi di assistenza del paziente per i farmaci.Chiedi agli ospedali e alle cliniche se dispongono di scale mobili, piani di pagamento o se perdonano mai il debito medico.

5. dolore

Ci affligge moltissimo quando affrontiamo la malattia - quali potrebbero essere le nostre vite senza di essa, i nostri limiti, i sintomi aggravati o in peggioramento, e molto altro ancora.

Mi sono ammalato da bambino, non mi sentivo necessariamente come se avessi molto da soffrire. Ho avuto il tempo di approfondire i miei limiti e trovare qualche soluzione. Oggi ho più condizioni croniche. Di conseguenza, i miei limiti cambiano spesso. È difficile esprimere a parole quanto possa essere dannoso.

Per un po 'dopo il college, corsi. Non ho corso per scuola o gare, ma per me stesso. Ero felice di poter correre a tutti, anche quando era un decimo di miglio alla volta. Quando, improvvisamente, non potei più correre perché mi fu detto che stava interessando troppe articolazioni, ero devastato. So che correre non va bene per la mia salute personale adesso. Ma so anche che non essere più in grado di correre fa più male.

Mancia: Cercare la terapia può essere un ottimo modo per affrontare questi sentimenti. Non è accessibile a tutti, lo so, ma ha cambiato la mia vita. Servizi come Talkspace e le hotline di crisi sono così vitali quando stiamo lottando.

La strada dell'accettazione è una strada tortuosa. Non c'è un periodo di tempo in cui noi addoloriamo le vite che avremmo potuto avere. Quasi tutti i giorni, sto bene. Posso vivere senza correre. Ma in altri giorni, il buco che correva una volta riempito mi ricorda la vita che avevo solo pochi anni fa.

Ricorda che anche quando sembra che la malattia cronica sta prendendo il sopravvento, hai ancora il controllo e sei capace di apportare i cambiamenti che devi fare per vivere la tua vita più piena.