Mio figlio svilupperà l'ansia per causa mia?

Mio figlio svilupperà l'ansia per causa mia?

Quando ero piccola, mia madre mi ha spiegato come un nostro vicino aveva paura dei bottoni. Non riusciva a selezionare i vestiti con i bottoni e trovava difficile persino pronunciare la parola. Ricordo di aver pensato che si trattava di una lamentela davvero strana, e mi chiedevo cosa avrebbe potuto portare a questa insolita paura di qualcosa di così normale.

Mia madre ha poi descritto un incidente in cui una scatola da cucito era caduta sul pavimento mentre lei stava prendendo il tè con il nostro vicino. Una collezione di bottoni sparsi sul pavimento e la povera donna subì un attacco di panico.

Qualche anno più tardi, la figlia del vicino, una mia amica, condivise anche la paura dei bottoni. Da bambina, immaginai che la loro fobia fosse dispersa nell'aria e potesse essere contagiosa. Non riuscivo a capire come qualcuno potesse aver paura di qualcosa di così innocuo come un pulsante.

Comprensione dell'ansia, me stesso

Le paure degli altri possono sembrare strane se non le condividiamo. Ma quello che ho imparato, insieme a 40 milioni di altri americani, dopo aver affrontato l'ansia a vari livelli, è che la paura è reale. Anch'io ho iniziato a sviluppare ansia nei miei 30 anni. All'inizio era molto gestibile. Si è manifestato come "nervi"? ed è apparso come un mal di stomaco prima di eventi importanti o riunioni. Questo ha progredito fino a sentirmi male prima di qualsiasi interazione sociale, comprese attività semplici come prendere un taxi, uscire da solo o semplicemente fare una telefonata. Ma il grado del mio disagio non è mai stato sufficiente per impedirmi di andare in posti o socializzare. Eppure significava che ero molto a disagio. Ora gestisco questi sintomi dandomi abbastanza tempo per prepararmi, facendo esercizi di respirazione profonda e di rilassamento e assicurandomi di dormire a sufficienza.

Ma da quando sono diventato un genitore, ho faticato a sapere se dovevo permettere a mio figlio di vedere quanto le normali attività quotidiane a volte mi stressano. Ho difficoltà a trovare l'equilibrio tra mostrare al mio piccolo che sono solo umano - che trovo spesso ansiogeno nella vita - e presentare un modello di ruolo forte e resistente da imitare.

È ancora abbastanza giovane da poter spiegare un comportamento inusuale da parte mia affermando che non mi sento bene o che ho bisogno di riposare. Ma mentre invecchia, sono sicuro che potrebbe iniziare a notare che a volte sono congelato dalle mie preoccupazioni.

Desidero disperatamente aiutarlo a evitare di sviluppare ansie simili semplicemente perché rispecchia il mio comportamento. Ma sono anche consapevole che forse sarebbe sano per lui vedermi come una persona reale e non un supereroe. Se mai si sente ansioso, può aiutarlo a sapere che anch'io ho sofferto, e sono un confidente comprensivo e comprensivo con cui condividere i suoi sentimenti.

I genitori dovrebbero condividere la loro ansia con i bambini?

Sebbene la mia naturale inclinazione sia quella di trattenere i miei sentimenti da mio figlio nel tentativo di risparmiargli la verità che a volte non ho tutto questo insieme, c'è qualche ricerca che suggerisce che un simile approccio possa essere dannoso per me e la nostra relazione.

Laura England, psicoterapeuta di Ottawa, in Canada, crede che mostrare ai nostri figli che a volte soffriamo, ma soprattutto mostrare loro come gestiamo le nostre emozioni, è "il più grande dono che potremmo dare loro". Tuttavia, lei nota quella paura, in particolare, può essere tramandata da adulto a bambino. Consiglia ai genitori di parlare dei meccanismi di coping e delle attività auto-calmanti in modo che i bambini vedano i loro genitori che sono attivi nel loro stesso trattamento e non sono vittime della loro condizione. Suggerisce ai genitori che provano ansia di descrivere il processo e di modellare la loro conversazione nel modo seguente:

? Mi sentivo spaventato nel momento di X, e la mia paura ha avuto la meglio su di me. Ho intenzione di ricordare a me stesso la prossima volta di respirare profondamente per aiutare a calmarmi.

"I tentativi dei genitori di sopprimere i sentimenti negativi e amplificare le emozioni positive durante la cura dei figli possono sminuire il loro benessere e i legami genitore-figlio di alta qualità ,? dice l'Inghilterra.

Non sei solo

Le condizioni di ansia sono tra le più comuni malattie mentali negli Stati Uniti, secondo l'Anxiety and Depression Association of America. L'ansia colpisce ognuno di noi ad un certo punto della nostra vita ed è una normale risposta agli alti e bassi della routine quotidiana. La paura dei bottoni da parte dei nostri vicini può essere sembrata peculiare a noi, o anche un po 'ridicola, ma l'effetto che aveva su di lei era immenso. Quel che è peggio è che i problemi di salute mentale, inclusa l'ansia, possono essere aggravati dallo stigma che spesso li accompagna. Parlando l'uno con l'altro, che include i genitori che sono sensibilmente onesti con i loro figli sui loro sentimenti, i loro limiti e le loro diverse emozioni, possiamo aiutare ad abbattere queste barriere comunicative e creare spazi senza giudizio dove possiamo ottenere l'aiuto bisogno di far fronte a qualsiasi cosa la vita ci getta contro.


Fiona Tapp è una scrittrice ed educatrice freelance. Il suo lavoro è stato presentato su The Washington Post, HuffPost, New York Post, The Week, SheKnows e altri. È esperta nel campo della pedagogia, insegnante di 13 anni e titolare della laurea magistrale in pedagogia. Scrive su una varietà di argomenti tra cui genitorialità, istruzione e viaggi. Fiona è un inglese all'estero e quando non sta scrivendo, le piacciono i temporali e le macchine Play-Doh con il suo bambino. Puoi saperne di più su Fionatapp.com o twittarla su @fionatappdotcom.