Vaccino contro la febbre gialla Cosa devi sapere

Vaccino contro la febbre gialla Cosa devi sapere

Qual è il vaccino contro la febbre gialla?

La febbre gialla è una malattia potenzialmente fatale causata dal virus della febbre gialla.

Il virus si trova in alcune parti del Sud America e Africa. Si diffonde attraverso il morso delle zanzare infette dal virus. Non viene trasmesso da persona a persona.

Alcune persone con la febbre gialla sperimentano solo sintomi simil-influenzali e guariscono completamente dopo un breve periodo di tempo. Altri sviluppano una forma più grave dell'infezione che provoca sintomi gravi, come ad esempio:

  • febbre alta
  • vomito
  • pelle gialla (ittero)

Secondo il Centers for Disease Control and Prevention (CDC), dal 30 al 60 per cento di coloro che sviluppano un caso grave di febbre gialla muore.

Non esiste una cura per la febbre gialla, anche se alcuni trattamenti possono aiutare a ridurre i sintomi. C'è anche un vaccino contro la febbre gialla che protegge le persone dal virus della febbre gialla.

Spieghiamo come funziona il vaccino, come viene somministrato e i suoi potenziali effetti collaterali.

Come funziona il vaccino?

Il vaccino contro la febbre gialla fa sì che il tuo sistema immunitario produca anticorpi contro il virus. Viene somministrato come un'iniezione relativamente indolore.

Se sei negli Stati Uniti e stai programmando di recarti in una zona in cui la febbre gialla è comune, dovrai vaccinarti presso un centro di vaccinazione contro la febbre gialla autorizzato.

Puoi trovare le loro posizioni qui.

Originariamente, una singola dose era destinata a durare per almeno 10 anni. Ma nel 2013, l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha annunciato che una singola iniezione dovrebbe fornire immunità per tutta la vita.

Tieni presente che questo cambiamento non si riflette ancora nei regolamenti sanitari internazionali, un documento legalmente vincolante pubblicato dall'OMS. Di conseguenza, alcuni paesi potrebbero non accettare un certificato che ha più di 10 anni.

Qui puoi verificare i regolamenti in paesi specifici. Potresti voler chiamare l'ambasciata locale prima del tuo viaggio solo per essere sicuro.

Quali sono gli effetti collaterali lievi?

Come con quasi qualsiasi altra medicina o vaccino, alcune persone hanno una reazione al vaccino contro la febbre gialla.

Di solito, questa reazione è mite, con effetti collaterali come:

  • febbre
  • dolori muscolari
  • lieve dolore alle articolazioni

Inoltre, qualsiasi tipo di iniezione può causare indolenzimento, arrossamento o gonfiore intorno al sito di iniezione.

Questi effetti indesiderati di solito iniziano poco dopo l'iniezione e possono durare fino a 14 giorni, anche se la maggior parte si risolve entro una settimana. Circa 1 su 4 persone che fanno sperimentare il vaccino effetti collaterali lievi.

Ci sono effetti collaterali seri?

C'è un piccolo rischio di gravi effetti collaterali del vaccino contro la febbre gialla. Il CDC afferma che ciò include:

  • una grave reazione allergica, che colpisce circa 1 su 55.000 persone
  • una grave reazione del sistema nervoso, che colpisce circa 1 persona su 125.000
  • malattia grave con insufficienza d'organo, che colpisce circa 1 su 250.000

Dopo aver ricevuto il vaccino, tieni d'occhio questi sintomi di una grave reazione allergica:

  • cambiamenti di comportamento
  • orticaria
  • problema respiratorio
  • febbre alta
  • gonfiore del viso, della lingua o della gola
  • vertigini
  • debolezza

Chiedere un trattamento di emergenza se si verifica uno di questi entro pochi minuti o ore di ottenere il vaccino.

Altri sintomi che giustificano una visita immediata da un medico includono:

  • confusione
  • tosse
  • difficoltà a deglutire
  • irritabilità
  • pizzicore
  • nervosismo
  • battito cardiaco accelerato
  • eruzione cutanea
  • forte mal di testa
  • torcicollo
  • palpitante nelle orecchie
  • formicolio
  • vomito

Chi ha bisogno del vaccino?

Il vaccino contro la febbre gialla è raccomandato per:

  • tutte le persone di età pari o superiore a 9 mesi che vivono o viaggiano in aree del Sud America, Africa o altri paesi in cui si trova il virus della febbre gialla
  • persone che si recano in paesi che richiedono la prova dell'immunizzazione della febbre gialla
  • chiunque possa entrare in contatto con il virus della febbre gialla, come operatori di laboratorio o operatori sanitari

Alle persone incinte si consiglia di ottenere il vaccino solo se devono recarsi in una zona dove c'è un'epidemia e la protezione dalle punture di zanzara non è possibile.

Qualcuno dovrebbe non capirlo?

Il vaccino non deve essere somministrato a:

  • bambini di età inferiore ai 9 mesi
  • adulti di età superiore ai 59 anni
  • persone con ridotta immunità, come le persone con HIV o quelle che ricevono la chemioterapia
  • persone che hanno avuto una reazione grave all'uovo, alla gelatina o ad altri ingredienti del vaccino
  • persone che hanno avuto una grave reazione allergica a una precedente dose del vaccino
  • persone che hanno avuto il timo rimosso o quelli con un disturbo del timo
  • viaggiatori di età superiore ai 60 anni che non sono stati precedentemente vaccinati contro la febbre gialla

Se hai la febbre, è meglio aspettare per ottenere il vaccino finché non ti senti meglio.

Inoltre, coloro che sono incinte o che allattano al seno dovrebbero essere vaccinati solo se c'è un rischio inevitabile o protezione contro le punture di zanzara non è possibile.

La linea di fondo

La febbre gialla è una malattia grave, quindi è importante farsi vaccinare se si prevede di essere in una zona in cui il virus è comune.

Se non sei sicuro di dover prendere il vaccino, parla con un medico. Possono aiutarti a soppesare i benefici e i rischi.

Tieni presente che il vaccino non è infallibile. Quando si viaggia in zone con il virus della febbre gialla, è importante proteggersi dalle punture di zanzara usando reti, repellenti per insetti e indumenti protettivi.

Cerca di rimanere in casa durante le ore di punta quando le zanzare possono mordere per ridurre ulteriormente il rischio. La maggior parte delle specie morde dal tramonto all'alba, ma una specie si nutre durante il giorno. Stare in stanze con aria condizionata può ridurre il rischio.